Secondo gli spot pubblicitari che ci bombardano quotidianamente, i batteri sono insidiosi nemici da combattere a tutti i costi e da eliminare dalle nostre abitazioni, specialmente se si hanno in casa bambini piccoli. Questo atteggiamento iperigienista, però, potrebbe avere conseguenze negative sulla nostra salute e, soprattutto, su quella dei più piccoli.

Lo sviluppo del sistema immunitario

Secondo numerosi studi, infatti, un eccesso di igiene aumenterebbe il rischio di sviluppare molte malattie, soprattutto allergie e disturbi autoimmuni. Questo perché fin dall’infanzia è proprio l’incontro con microrganismi e potenziali allergeni che “insegna” al nostro sistema immunitario a riconoscere ciò che è buono da ciò che bisogna combattere. Se qualcosa va storto in questo processo di crescita e apprendimento, il sistema immunitario diventa eccessivamente reattivo causando le malattie che abbiamo citato in precedenza.

Le origini della “Teoria dell’igiene”

Quella appena descritta è la cosiddetta “Teoria dell’igiene”, sviluppata quasi quarant’anni fa e confermata nel tempo da numerose ricerche scientifiche. Questa teoria nasce da una semplice osservazione: le persone che vivono in campagna, in ambienti più “sporchi”, che hanno animali domestici o che vivono in famiglie numerose sono meno soggette ad allergie e a malattie autoimmuni. Questo perché, nel corso della loro infanzia, sono esposti a un maggior numero di batteri, agenti patogeni ed allergeni che aiutano il loro sistema immunitario a svilupparsi correttamente. Chi vive in città, invece, dove l’ambiente è decisamente più asettico, sviluppa maggiormente allergie e malattie autoimmuni, tanto che questi disturbi sono in costante crescita nei paesi industrializzati rispetto a quelli in via di sviluppo.

Il ruolo del microbioma intestinale

Ma cosa c’entra il microbioma intestinale in tutto questo? Secondo i medici i miliardi di microrganismi che vivono all’interno del nostro apparato digerente hanno un ruolo fondamentale nello spiegare la “teoria dell’igiene”. È ormai noto, infatti, che il microbioma è estremamente importante per modulare la risposta immunitaria dell’uomo: un microbioma in forma, infatti, riduce il rischio di allergie e malattie autoimmuni. È stato dimostrato, poi, che esistono grandi differenze tra le popolazione di microrganismi intestinali di chi vive in campagna e quella di chi vive in città. E così si chiude il cerchio: un eccesso di igiene può alterare il microbioma intestinale, riducendo i suoi effetti benefici sul sistema immunitario e aumentando così il rischio di allergie e malattie autoimmuni.